Centro Ganimede

 

Constellation vintage map

Il Centro Ganimede nasce nel contesto più generale dell’Associazione Noi e Gaia per supportare, sviluppare, rendere pubblico e condividere, con coloro che lo vorranno, “il Progetto Gaia”. Quella parte di progetto che ci compete, che compete a coloro che hanno fortemente voluto la nascita di questa Associazione prima, e l’apertura del Centro poi.

Un Centro dove potersi ritrovare  per capire cosa sia più precisamente il “nostro” progetto, e per divenire in prima persona un canale di espressione, di manifestazione del progetto stesso.

Un progetto volto a trasformare il pianeta sul quale viviamo; una trasformazione legata  ad ogni singolo essere vivente.

Una  trasformazione può essere vissuta inconsciamente (non necessariamente  vista o immaginata) oppure può divenire consapevole e motivo di realizzazione “personale”,  dove la parola personale va letta come contributo della parte rispetto al tutto imprescindibile e indivisibile.

Un Centro posto tra i due fiumi torinesi, il Po e la Dora, due entità, che si “sposano” nel contesto del Parco Dora Colletta.

A pochi passi da lì, in Via Lessolo, ci incontriamo la sera dalle 21.00 alle 23.00, ogni quindici giorni, tra la sponda destra della Dora e la riva sinistra del Po. Accompagnati dal mormorio e sussurro di queste acque, proponiamo di volta in volta temi specifici di riflessione, di meditazione e di insegnamento.

Temi che vogliono essere in linea con la nuova Era che stiamo vivendo, che ci aiutano a comprenderla , ma anche e soprattutto a percepirla attraverso un sentire più ampio e profondo.

Sentire ciò che siamo e ciò che diveniamo, insieme a tutti gli esseri e a tutte le anime. Un luogo dove riscoprirci, dove sviluppare consapevolezza riguardo possibili ampliamenti di capacità psicofisiche.

L’uomo muta e con esso il suo ambiente in un rapporto simbiotico, in un  rapporto che deve finalmente essere armonico. L’armonia è benessere: come diciamo noi  “benessere eco-spirituale”.

Il vero ed autentico benessere non può che essere collettivo, interdipendente, sistemico. Non può che essere in comune a tutti i sistemi viventi, e non solo del nostro pianeta. Tutti questi sistemi viventi  sincronicamente creano complessità, cioè un divenire via via più complesso verso il punto omega; un punto in cui il ritrovato benessere eco-spirituale non potrà che essere fonte di guarigione per tutto il pianeta. Non potrà che essere accompagnato dalla profonda consapevolezza che la guarigione avviene là dove c’è anche giustizia, che è riconoscimento di uguaglianza da un lato, e di riconoscimento delle diversità che ci arricchiscono dall’altro.

Giustizia sociale ed economica; giustizia che è una legge inviolabile e inderogabile, l’essenza stessa del mondo.

I temi trattati nel Centro Ganimede sono inevitabilmente inerenti la giustizia e la guarigione, temi che portano un contributo al risveglio della coscienza unica, globale, di quella che è anche conosciuta come Coscienza Cristica. Una coscienza che si relaziona ai nuovi confini della fisica quantistica, della teoria del tutto, della teoria della complessità e del multiverso.

Nel Centro Ganimede, inoltre, pratichiamo in vari modi, concretamente, la ricerca e lo sviluppo del nostro benessere, per esempio attraverso la pratica del Mandala o dell’Ottetto del Benessere Armonico.

Così come tutti gli atomi si trovano in migliore equilibrio energetico e vitale attraverso una disposizione ad ottetto, impariamo anche noi  a ricercare e sviluppare consapevolezza attraverso il nostro Ottetto del Benessere.

Infine, perché Ganimede?

Ganimede, per coloro che conoscano poco l’astronomia o l’astrologia, è il personaggio mitologico rappresentato nella costellazione dell’Acquario.

Un giovane umano rapito da Zeus e portato in cielo nell’Olimpo, per farne il coppiere degli dei. Per così dire un umano assunto, elevato al cielo. Il primo degli umani ad essere più che umano, l’antesignano del prototipo gaiano, una nuova frontiera dell’umanità.